Curvy o teen? le differenze e i pareri degli uomini in base ai trend

Curvy o teen? le differenze e i pareri degli uomini in base ai trend

La tendenza delle scelte degli uomini: donne curvy o teen?

Negli ultimi anni si sta verificando il fenomeno sociale di rivalorizzazione delle donne curvy quale canone di bellezza a livello internazionale. Dopo episodi emersi dalle cronache di modelle troppo magre costrette a vivere in modo troppo sacrificato per essere modelle quasi pelle e ossa, si è deciso di puntare al tondo nelle forme, come fosse il nuovo sinonimo di femminilità da imporre. Sono loro, le donne curvy, le protagoniste delle nuove campagne pubblicitarie, servizi fotografici di moda e cinema. Sono loro che popolano i social come protagoniste indiscusse del messaggio di salute e bellezza. Sicuramente il messaggio trasmesso è quello giusto, di volersi bene, indipendentemente dalla propria forma. E gli uomini cosa ne pensano? Come hanno preso queste nuove tendenze nella scelta della donna da avere al proprio fianco tutta la vita o con cui condividere brevi avventure? Insomma, i gusti degli uomini si fanno influenzare dalle nuove tendenze pubblicitarie?

Prima di tutto è necessario chiarire di cosa parliamo, cioè cosa si intende per donna curvy e teen. Con il termine curvy si definisce una donna con un fisico con qualche chilo di troppo, individuabile nella forma cosiddetta a clessidra, vita stretta e seno e glutei prosperosi. Elemento fondamentale che chiude questa descrizione è il piacersi così come si è. La donna curvy si accetta nelle sue forme prorompenti e preferisce rinunciare a diete troppo ferree per apprezzare una sana alimentazione, che la porta ad essere comunque una donna in salute.

La donna teen, dal termine che richiama la teenager, individua una donna magra, dalle forme longilinee, spesso vestita con magliette corte o attillate per evidenziare la sua magrezza. Sembra avere le forme delle ragazze, delle adolescenti, anche se sono donne adulte. Sono sinonimo di eleganza ma non sempre la maggior parte delle donne riesce ad identificarsi in queste misure, visto che per mantenere una misura 38 bisogna fare molti sacrifici tra diete, rinunce e allenamenti.

Forma curvy, la donna a clessidra

Agli uomini, diciamolo pure, piace avere qualcosa da abbracciare, da toccare e palpeggiare nella propria donna, e qualche chilo di troppo non ha mai scoraggiato nessun uomo a farsi avanti per un corteggiamento. La donna formosa, tra seno e fondoschiena, offre vari spunti alle fantasie sessuali degli uomini e già solo per questo la donna curvy acquista punteggi rispetto ad una donna teen. E' stimolante possedere una donna con dei glutei prorompenti. E che dire del seno prosperoso, con le medesime caratteristiche di prorompenza; è qualcosa che porta l’uomo all’estasi, dal punto di vista sessuale, senza alcun dubbio. Questi giochi, con forme meno voluminose non si possono fare.

Se poi ci mettiamo chela figura così rotonda riporta all’immaginario del fisico della mamma tipica italiana, della sicurezza che da, allora sembra evidente che questo tipo di donna ha tutte le carte in tavola per rivestire la scelta degli uomini del 2021. Le donne curvy, infatti, secondo alcuni studi americani, portano serenità e non fanno sentire gli uomini continuamente in bilico sull’autostima per paura della competizione con altri uomini. Una curvy ti prende e ti tiene.

Nel carattere della curvy, come si diceva in precedenza, c’è una donna sicura di sé, più comunicativa e amichevole rispetto a quelle più esili. L’essere tonda non è una colpa o un difetto, ma una scelta e su questa scelta di è costruita la propria femminilità.

Il pensiero dell’idoneità evolutiva dietro il corpo esile della donna teen

Fin dall’epoca rinascimentale il riferimento di bellezza, soprattutto tra i reali, principesse e regine, quelle dipinte nei quadri arrivati fino a noi, hanno linee esili. Donne dal girovita molto stretto e dai seni quasi impercettibili, schiacciati da bustini che toglievano il fiato. Visi molto smunti, dal collo lungo e sottile, spesso sproporzionato. Quel simbolo di femminilità ha oltrepassato i secoli e ha preso piede anche nella nostra società dove è diventato il modello ideale sulle passerelle di moda e nell’immaginario sessuale maschile. In questi ultimi anni si trovano anche le modelle curvy per rispondere a delle esigenze sociali e di mercato che vedono la società italiana sempre più alle prese con donne dalle forme rotonde.

Si assiste ad un concetto socio culturale di controtendenza però, e si identifica la donna magra come quella che non sta bene, di salute, perché non mangia. È curioso che dai risultati di alcuni sondaggi effettuati negli ultimi anni sull’argomento emerga che gli uomini intervistati considerano la donna perfetta come quella che indossa la taglia 44, mentre la donna pensa alla perfezione come la misura almeno di una 42.

Secondo altri sondaggi, invece, la questione della donna magra, come preferenza di gusti di alcuni uomini verte intorno alla questione che viene vista come donna ideale per la procreazione di figli. È come se fossero considerate più belle perché più giovani e sane e meno a rischio di malattia rispetto a quelle con qualche chilo in più. Da questi studi emerge sempre più il modo curioso di cosa riesce ad elaborare la mente umana.

Nei gusti dell’uomo medio italiano, chi decide non è la moda ma il proprio desiderio sessuale (o no?)

Nell’analisi delle caratteristiche delle due tipologie di donne messe a confronto sono emerse bellezze e contraddizioni per ogni tipologia di corpo femminile. Da una parte la donna curvy sembra essere la più rassicurante per un rapporto di coppia duraturo, con una serenità basata sul benessere fisico e zero problemi di autostima, mentre una teen è sempre attenta alla linea e per il mantenimento può sembrare fissata con rinunce e privazioni alimentari di gusto e quantità. Dall’altra la forma rotonda può essere associata ad una disfunzione legata al fisico, alla ritenzione idrica che gonfia il corpo, a qualche patologia e allora non si vede la bellezza ma si ipotizza un malessere.

Insomma, col tempo la società ha tentato di fissare degli stereotipi, ma poi basta una controtendenza, uno stilista che inserisca sulle passerelle qualcosa di diverso, una modella dalle forme più rotonde e cambia tutto; quello che era considerato bello ieri è meno bello oggi, e viceversa. Gli uomini non si fanno influenzare dalle tendenze, si è visto dai risultati dei vari sondaggi effettuati sull’argomento, in Italia e all’estero. Gli uomini per la loro scelta si basano su un unico e preciso criterio, il gusto personale. Sulla base della propria esperienza personale, familiare e caratteriale, scelgono la donna per ciò che è il loro desiderio sessuale e lo fanno con la consapevolezza di essere loro a decidere, quando poi spesso sono le donne, curvy o teen, a decidere per loro. Ma lo sanno anche loro e il bello del gioco tra uomo e donna è proprio questo.

Come stimolare il punto G di una donna

Come stimolare il punto G di una donna

Il "punto G", che anni or sono veniva anche chiamato "UFO ginecologico", finalmente dopo tanti sforzi è stato individuato e per la prima volta grazie all' utilizzo di quelle che sono le nuove tecnologie è stato anche fotografato. Se vogliamo parlare in termini anatomici, possiamo tranquillamente dire che è una zona di sensibilità tattile erotica, che si trova beatamente sulla parte anteriore della vagina, precisamente, ci troviamo metà strada fra l’osso pubico e la cervice, detta così può sembrare anche una posizione introvabile ma in realtà una volta capito anche orientativamente dove si trova è molto semplice da trovare.

Ovviamente bisogna anche affidarsi al tatto, cosa assolutamente molto semplice in quanto si tratta di un leggero rigonfiamento della parete vaginale che appunto favorisce e stimola l'orgasmo.
Per essere ancora più chiari diciamo che nella maggior parte delle donne il punto G lo possiamo trovare, come tutti immaginiamo, nella parete anteriore della vagina collocato, quasi strategicamente ad una distanza di circa 4-5 cm. Per avere la certezza di toccarlo la donna deve o toccarsi o meglio ancora, farsi accarezzare con molta cura flettendo il dito puntando verso quello che è comunemente chiamato osso pubico e con una leggera pressione puntare nella zona dove si trova l’ombelico. Più semplicemente bisogna imitare il gesto che comunemente viene fatto per invogliare qualcuno ad avvicinarsi

Il tutto deve avvenire con la massima delicatezza e la sensualità che richiede il caso, si esercita così una leggera pressione sulla parete anteriore della vagina. Se il procedimento viene fatto bene la donna sentirà una forte eccitazione sessuale e noterà un leggero rigonfiamento nelle zone dove la pelle è più sensibile , detto questo va precisato che vi sono ovviamente delle varianti a seconda del soggetto. Anche se molte donne ammettono di aver percepito uno stimolo simile a quello che si ha per urinare è noto che dopo questa sensazione si passa ad una di puro e semplice piacere sessuale che non a caso spesso e volentieri comporta anche ad una fuoriuscita di liquido vaginale proprio a causa della forte eccitazione, provare per credere.

Primi passi

La lubrificazione delle parti intime è senza ombra di dubbio la migliore via per aprire letteralmente le porte del paradiso, l'obbiettivo ovviamente è quello di trovare il tanto acclamato punto g che nella maggior parte dei casi una volta e stimolato nel migliore dei modi provoca nella donna una forte eccitazione e un trasporto tale da farle quasi perdere i sensi lasciandosi andare a qualsiasi tipo di peccato.

Partiamo da quelle che sono le grandi labbra, ossia la parte esterna della vagina, quella più visibile tanto amata ed apprezzata. Queste non sempre sono ben lubrificate anche perché la donna in se dovrebbe arrivare ad un buon livello di eccitazione per bagnarsi fono a quel punto per non parlare poi degli indumenti che fondamentalmente fanno da tampone, allora è preferibile qualora fosse possibile se si vuole rendere il processo più frizzante di umidificare la vagina con la lingua.

In poche parole senza andare per il sottile, bisogna leccare bene la figa, in questo modo si potrà essere sicuri di iniziare un rapporto nel migliore dei modi, senza alcuna problematica di qualsiasi genere. Il corpo di una donna è una macchina perfetta che va oleata a regola d'arte, in tanti credono che la donna non provi piacere nel ricevere un cunnilingus, infatti è statisticamente dimostrato che solo il 60% degli uomini o meglio ancora delle coppie, non praticano rapporti orali.

Quindi possiamo tranquillamente dire che una buona fetta non ha mai provato il piacere di un rapporto sessuale ben lubrificato e quindi di conseguenza la ricerca del punto g diventa faticosa e quasi irraggiungibile.

Stimolare il clitoride per trovare il punto g?

Come abbiamo detto in precedenza la lubrificazione aiuta e se vogliamo dirla proprio tutta è quasi indispensabile sopratutto perché per raggiungere il punto g è preferibile avere una buona lubrificazione dei tessuti della vagina.

La stimolazione del clitoride contrariamente a come molti immaginano non è assolutamente una cosa semplicissima diciamo, infatti se ci si lascia prendere dall'eccitazione si corre il rischio di effettuare un movimento troppo veloce, questo per la donna potrebbe essere un fastidio in quanto si sta stimolando una parte del suo corpo molto sensibile con il rischio di provocare un'irritazione e di conseguenza un malessere all'interno del rapporto.

Partendo dal presupposto che ogni donna è diversa e che prova piacere a seconda delle proprie esigenze corporee l'atto in se deve essere effettuato con la massima cura, le piccole e grandi labbra vanno anch'esse lubrificate con un movimento della lingua sussultorio e molto delicato, pian piano la donna comincia a compiacersi sempre più ed a lasciarsi trasportare dalle emozioni. Qui deve avvenire la stimolazione del clitoride nella modalità che abbiamo elencato poche righe sopra, una volta appurato che la donna è letteralmente in estasi e vogliamo letteralmente enfatizzare ancor più il rapporto è possibile procedere con la stimolazione del punto g.

Il segreto

L’estasi così come il tanto atteso orgasmo non sono altro che il frutto di energie, di sensazioni, emozioni, di stimolazioni che non riguardano solo il lato fisico, ma bisogna dare importanza anche alle stimolazioni sensoriali e mentali, detto questo bisogna essere consenzienti che in realtà il cervello è la vera zona erogena che deve essere stimolata!

Sono in molti invece ad ignorare quello che fondamentalmente è il vero segreto del punto G in quanto possiamo dire tranquillamente che tutto sommato consiste proprio nel modo in cui va ricercato fisicamente ed è nelle modalità, la delicatezza, l'erotismo con cui ci si accinge a ricercarlo, si racchiude il vero segreto del punto g.

In parole povere questa ricerca se pur ben mirata e con tutte le buone intenzioni non deve essere mai fine a se stessa come ad esempio la ricerca di un accendino ma bisogna tenere a mente che si tratta di un punto erogeno molto importante nel corpo di una donna, anche perché fondamentalmente ci troviamo ad esplorare letteralmente tra strati e tessuti estremamente interiori ed intimi di della propria partner che in quel momento ha affidato completamente il proprio corpo e le sensazioni, riponendo una grande fiducia.

D'altra parte facendo una piccola analisi critica va detto che magari le nostre donne dovrebbero cercare di bai passare loro vissuto inteso come esperienze sessuali buone o cattive che siano state nella ricerca errata, come detto in precedenza fine a se stessa.
Il consiglio è senza ombra di dubbio quello di lasciarsi catturare da quelle sensazioni interiori che non hanno nulla a che vedere con quella che fondamentalmente è la loro percezione sensoriale.

Tutto sommato basterebbe soltanto mentre in gioco se stesso palesando le loro vere sensazioni ed emozioni in modo tale da permettere al proprio partner di condurre un rapporto basato sull'intesa sessuale.

8 motivi per cui la gente guarda il porno

8 motivi per cui la gente guarda il porno

A volte la visione del porno può diventare eccessiva o problematica (chiamata uso problematico del porno o PPU). La frequenza della visione del porno è associata alle seguenti motivazioni: Riduzione dello stress, piacere sessuale, ed evitare la noia. L'uso problematico del porno è associato a queste motivazioni: Fantasia, piacere, evitare la noia, distrazione emotiva e riduzione dello stress.

Un recente studio esamina le ragioni per cui le persone guardano la pornografia e le potenziali cause della visione problematica della pornografia su Internet (a volte chiamata uso problematico del porno, o anche dipendenza dal porno).

 

Come è stato condotto lo studio

I ricercatori hanno utilizzato tre campioni di partecipanti.

Campione 1: 772; 51% donne; età media di 23 anni (range 18-54 anni); 51% single e 47% in una relazione romantica (solo il 2% sposato); 80% eterosessuale, 17% bisessuale, 2% gay o asessuale; uso settimanale del porno.

Campione 2: 792; 6% donne; età media di 40 anni (19-76 anni); 20% single e 35% in una relazione romantica (44% sposato); 80% eterosessuale, 18% bisessuale, 2% gay o asessuale; 2-3 volte uso settimanale del porno.

Campione 3: 1.082; 50% donne; età media di 24 anni (18-64 anni); 40% single e 54% in una relazione romantica (5% sposato); 82% eterosessuale, 15% bisessuale, 2% gay o asessuale; uso settimanale di porno.

I partecipanti sono stati lasciati liberi di visionare qualsiasi genere di contenuti pornografici, dai fumetti erotici ai video porno amatoriali.

Le misure includevano una scala di nuova costruzione chiamata Pornography Use Motivations Scale (PUMS), composta da otto fattori:

  • Evitare della noia (ad esempio, "Guardo il porno perché voglio passare il tempo quando sono annoiato").
  • Distrazione o soppressione emotiva ("Guardo il porno per sopprimere il mio cattivo umore").
  • Fantasia ("Guardo il porno perché posso essere parte di cose che non posso sperimentare nella vita reale").
  • Mancanza di soddisfazione sessuale ("Guardo il porno perché la mia vita sessuale non è soddisfacente")
  • Auto-esplorazione ("Guardo il porno per conoscere meglio i miei desideri sessuali")
  • Curiosità sessuale ("Guardo il porno per imparare cose nuove")
  • Piacere sessuale ("Guardo il porno perché rende più facile la masturbazione").
  • Riduzione dello stress ("Guardo il porno perché è uno dei modi migliori per alleviare lo stress").

Una seconda scala, la Problematic Pornography Consumption Scale (PPCS), è stata usata per valutare l'uso problematico della pornografia. Essa conteneva sei fattori:

  • Conflitto ("Guardare il porno mi ha impedito di tirare fuori il meglio di me").
  • Modifica dell'umore ("Guardare il porno mi ha liberato dai miei sentimenti negativi").
  • Ricaduta ("Quando ho giurato di non guardare più il porno, ho potuto farlo solo per un breve periodo di tempo").
  • Salienza ("Pianificavo continuamente quando guardare il porno").
  • Tolleranza ("Sentivo che avevo bisogno di sempre più porno per soddisfare i miei bisogni").
  • Ritiro ("Mi agitavo quando non ero in grado di guardare il porno").

 

Il risultato

I risultati riguardanti le motivazioni per l'uso del porno, la frequenza di visione della pornografia, l'uso problematico del porno e le differenze di genere sono riassunti di seguito. Le tre principali motivazioni per la visione del porno erano il piacere sessuale, la curiosità sessuale e la fantasia.

 

Frequenza della visione di pornografia

Il piacere sessuale aveva una relazione moderata con la frequenza di utilizzo del porno, mentre l'evitare la noia e la riduzione dello stress avevano una relazione debole con esso. La curiosità sessuale, la fantasia, la mancanza di soddisfazione sessuale, la distrazione o soppressione emotiva e l'esplorazione di sé non avevano alcuna associazione con la frequenza della visione della pornografia.

 

Uso problematico della pornografia

Il piacere sessuale, la fantasia e la distrazione o soppressione emotiva erano debolmente associati alla visione problematica della pornografia, mentre la riduzione dello stress aveva un'associazione moderata con essa. La curiosità sessuale, la mancanza di soddisfazione sessuale e l'auto-esplorazione non erano collegate all'uso problematico del porno.

 

Uomini e donne

Rispetto alle donne, gli uomini avevano punteggi più alti nell'uso del porno per piacere sessuale, distrazione o soppressione emotiva, riduzione dello stress, fantasia e mancanza di soddisfazione sessuale. Nessuna differenza di genere è stata trovata nella curiosità sessuale e nei motivi di auto-esplorazione.

 

In sintesi, le principali motivazioni per l'uso del porno erano il piacere sessuale (45%), la curiosità sessuale (12%) e la fantasia (10%).

5 consigli per fare sesso orale ad un uomo

5 consigli per fare sesso orale ad un uomo

Imparare come fare un bel pompino arriva con l'esperienza, e non ci sono due uomini che si divertono particolarmente con le stesse tecniche. In questo articolo trovi cinque consigli che funzionano davvero per fare sesso orale ad un uomo che non sia la solita routine di base "apri la bocca… inserisci il pene… muovi su e giù".

 

1.  Leccalo come un lecca-lecca

E non un lecca-lecca qualsiasi: lecca il suo membro pulsante su e giù e tutto intorno come se fosse il miglior lecca-lecca che tu abbia mai leccato. Alternate tra leccate veloci e lente, prestando generosa attenzione all'intera asta mentre girate intorno al bordo della testa frequentemente per mantenere le cose interessanti. Mentre lo fai presta attenzione alla sua reazione: solitamente, se tocchi punti particolarmente sensibili ed erogeni, potrai avvertire in lui un sussulto o un gemito. Fai tesoro di queste informazioni e insisti su quei punti, ricordandotene anche al prossimo pompino.

 

2.  Cosa fare con la bocca e con la mano

Mentre alcuni uomini amano quando le donne usano solo la bocca, molti uomini si scatenano letteralmente quando la masturbazione viene aggiunta al mix per raddoppiare il loro potenziale piacere. Metti una mano intorno alla sua asta e muovila su e giù in sincronia con la tua bocca intorno alla testa. Questo può farlo sborrare velocemente, quindi è un'ottima mossa.

 

3.  Mano, bocca e leggera torsione

Un ulteriore miglioramento del suggerimento #2 è quello di estendere il movimento della mano mentre risale l'asta verso la bocca, rimuovere la bocca abbastanza a lungo per far scorrere il palmo attraverso la testa in un movimento di torsione. Quando la mano si ritira di nuovo giù verso la base, riprendi la testa in bocca di nuovo. Ripetere come desiderato.

 

4.  Parla in maniera spinta

Naturalmente, questo può accadere con la “bocca piena”, quindi iniziate a masturbarlo lentamente e ditegli tutte le cose più spinte che ama sentire. Digli quanto sia incredibile il suo sapore, quanto sei impaziente della sua sborra in bocca e qualsiasi altra cosa che potrebbe portarlo più vicino ad esplodere. Chiedigli cosa vuole per dargli l'idea di avere il controllo, anche se non lo ha!

 

5.  Non tralasciare le palle

Quando si è concentrate nel fare un pompino i testicoli sono spesso tralasciati: errore da non fare. Le palle sono a tutti gli effetti delle zone erogene potentissime e possono avere un enorme impatto sul suo piacere. Sfregarle, succhiare, leccarle e accarezzarle moltiplica esponenzialmente le sensazioni avvertite sul pene. Leccare le palle eccita molti uomini, e lo strattone delicato della bocca di una donna che le succhia può essere ciò che porta un uomo a raggiungere il massimo del piacere. Mentre sei qui puoi anche spingerti più in basso e vedere quali sono le sue reazioni quando passi la lingua sul perineo, ovvero sulla zona tra i testicoli e l’ano (anche questa altra zona erogena importantissima da non trascurare). Essendo una zona ricchissima di terminazioni nervose avvertirà ogni singolo movimento che farai e lo farà impazzire di piacere.

Maturehot.it: il sito di incontri con donne mature

Maturehot.it: il sito di incontri con donne mature

Ogni città d’Italia regala la possibilità di incontrare donne mature sexy e vogliose: devi solo affidarti al sito di incontri giusto! Il miglior sito di incontri per milf in Italia è senza dubbio MATURE HOT: gli incontri con donne mature su maturehot.it sono i migliori! Trovi infatti le donne mature più belle d’Italia che non cercano di fregarti ma solo di regalarti il sesso più trasgressivo e soddisfacente che tu abbia mai provato, come ci dicono tutti gli uomini iscritti al portale. Paese o grande città non ha importanza: grazie al sito di incontri per sesso Maturehot.it avrai la possibilità di selezionare donne matura della tua stessa città o di città limitrofe.

 

Con noi i tuoi dati sono al sicuro

Alla tua privacy ci teniamo particolarmente: per questo motivo in fase di iscrizione non ti chiediamo troppi dati. Si tratta di un accesso molto semplice e veloce, che ti da la possibilità di essere dentro il sistema e sin da subito poter già contattare le donne mature troie che vedi in bacheca. Tra le donne disponibili, che si sono iscritte al portale proprio come te, non troverai mai professioniste. Qui avrai solo sesso, senza sorprese! Nessun compenso in denaro per la tua scopata, ma solo del sano godimento.

 

Donne mature pronte ad incontrarti

All’interno del portale trovi gli annunci più svariati: le donne mature, si sa, sono rinomate per la loro esperienza ma anche per la loro fantasia a letto. Ci sono milf molto arrapate in cerca di ragazzi giovani e aitanti, dai quali cercano una notte di sesso senza fine e che amano insegnare loro piccoli trucchi erotici per farli godere come non mai. Ma puoi trovare anche milfone che preferiscono essere scopate da coetanei, per farli letteralmente impazzire di piacere. Alcune di loro praticano il sesso anale, altre sono delle mi stress in cerca del loro schiavo personale..ne trovi davvero una per tutti i gusti!

 

Con Maturehot.it non sprechi tempo

Cosa aspetti allora? Inizia a scorrere tutti gli annunci che trovi sul sito Mature Hot e scegli la donna matura che ti eccita di più: non dovrai fare altro che contattarla, mettervi d’accordo su dove vedervi e finalmente scopare. Il tutto è molto facile e semplice, dal momento in cui non sprecherai tempo inutile a parlare con donne mature che si rivelano poi essere a centinaia di chilometri da casa tua. Puoi infatti selezionare direttamente le donne mature della tua provincia o città e raggiungerle in pochissimo tempo. Lascia perdere luoghi di incontri equivoci e siti di incontri che poi si rivelano fake perché propongono solo mercenarie in cerca di denaro: MATUREHOT:IT ti da la sicurezza di scopare quando vuoi e con chi vuoi in maniera del tutto disinteressata. La tua donna matura è lì per fare sesso e godere proprio come te! Quindi non ti resta che iscriverti e farti una nuova trombamica: se ti è piaciuto potete poi rimanere in contatto e scopare ogni volta che ne avete voglia..cosa vuoi di meglio?

Gli incontri con donne mature su Maturehot.it sono sempre i più piccanti e lo testimoniano tutti gli iscritti che ne fanno parte: incontrare e fottersi per bene una donna matura nella tua città o nelle tue vicinanze non è mai stato così semplice e sicuro!

Mogli infedeli da scopare, perché trovarle sul web

Mogli infedeli da scopare, perché trovarle sul web

Il sesso fatto in casa è sempre soddisfacente, ma ultimamente la tendenza è trovare partner infedeli sul web da parte delle mogli in calore perenne: Internet mette a disposizione delle possibilità notevoli per scopare e soddisfare i propri desideri.

Mogli infedeli sul web, dove trovarle

La rivoluzione di Internet sta anche nel porno: nonostante il sesso fatto in casa sia stellare, la nuova tendenza sul web è appunto cercare mogli in calore tramite la Rete. Per trovare partner infedeli su Internet grazie a qualche click è diventato un must, senza nemmeno il bisogno di uscire dal salotto della propria casa. Da un lato si apprezza molto la comodità, sicuramente uno dei fattori chiave insieme al mantenimento dell’anonimato. Basta solo avere la voglia di scopare e c’è solo l’imbarazzo della scelta: bionde, more, rosse, brune,  un uomo che vorrebbe soddisfare la fantasia di trovare una moglie infedele da trombare può semplicemente dedicare del tempo e scegliere quella preferita.

Ma la novità è che sono proprio le mogli che, statisticamente, cornificano il marito con il web e soddisfano i propri bisogni circondate da privacy e dal comfort. Ovviamente, tutti i maschi arrapati non vedranno l’ora di capire come fare per mettersi in contatto con una MILF o una moglie in calore, quindi perché non svelare dove trovare donne infedeli e disponibili da subito?

Dove trovare la giusta moglie infedele su Internet

Non è sempre facile trovare quello che si desidera. Bisogna tenere presente che gli annunci di questo tipo sono veramente tanti e si è costretti a spulciare tra offerte più o meno allettanti, però senza avere l’assoluta certezza della veridicità degli scritti. I siti che raccolgono gli annunci delle donne per avere rapporti intimi peccaminosi e far diventare i relativi mariti dei cornutazzi sono tantissimi visto che sono uno dei tanti strumenti più utilizzati dalle donne per vivere una vita libera, nonostante ci sia la piccola questione del matrimonio che sta tanto a cuore alla gente bigotta.

Chiariamo subito un fatto: gli uomini, sin dalla notte dei tempi, hanno avuto il potere di fare delle donne ciò che volvano. Le relative mogli stavano a casa a pulire, lavare e cucinare e loro a lavorare, concedendosi dopo un’ora o più di sfogo genitale con le prostitute. Quindi, se una donna è insoddisfatta sessualmente, o una coppia ha gusti tutti particolari, può trovare del materiale nei siti erotici specializzati in tradimenti e selezionare i relativi annunci. Non potendo richiedere ufficialità, potrebbe capitare ai maschietti di essere truffati, quindi prima di buttarsi a capofitto cercando di contattare e conquistare la donna in questione, è meglio iniziare per gradi.

Come scopare mogli infedeli in sicurezza

Prima cosa da fare è cercare di mettersi in contatto con la donna in questione. Di solito è lei che lascia nell’annuncio il numero di telefono o la mail, oppure è il sistema del sito ad avere una specie di network da usare per le comunicazioni. Niente messaggi chilometrici con scritte solo volgarità, bensì poche righe che chiariscano di voler incontrare la donna che ha postato l’annuncio sul sito.

Dopo aver intavolato una lunga conversazione web, si può passare a pianificare le modalità di incontro, parlandone insieme per avere una ulteriore sicurezza dell’identità reale della persona in questione. Non serve fingere, bensì essere se stessi aiuta anche a non avere ansie e timori in questo senso. Il sesso è una cosa naturale e normale e bisogna pensare che una moglie che cerca partner online per scopare si aspetta gentilezza e onestà, non certo un palo lungo 30 cm. La loro vita sessuale sicuramente non è soddisfacente e si sono affidate a Internet per essere trovate.

Questo però non significa che tutte vorranno andare fino in fondo, perché magari non c’è feeling o è troppo presto. Il rispetto reciproco è fondamentale, meglio assecondare i suoi voleri. A meno che non voglia cash e carte di credito: in questo caso, meglio scappare a gambe levate!

Zia Sabrina? Una maiala

Zia Sabrina? Una maiala

Come tutte le famiglie tradizionaliste, a Natale si mangia in famiglia, e come ogni anno mi recai a casa dei miei nonni, rispetto gli ultimi anni c’era una mia zia Sabrina che non vedevo da parecchio tempo, e la sorpresa fu bellissima, vedendo una donna così bella e prorompente, fin da piccolo era stata la protagonista dei miei libidinosi sogni adolescenziali, ed ora anche se era passato qualche anno non passava certo inosservata.
Il suo aspetto di donna matura, ha quaranta anni, i suoi lunghi capelli castani che le ricadono boccoluti sulle spalle, le sue labbra carnose, i suoi occhi verdi, ma sopra tutto il suo generoso seno, che lei evidenzia sempre indossando camicette o top attillatissimi, le conferiscono quell’aria da porca che aveva anche quella sera.
Sedeva a tavola accanto a me, ed io non riuscivo a staccare gli occhi dalla scollatura della sua camicetta di seta bianca, intravedevi i suoi seni avvolti in un reggiseno di pizzo nero, e fantasticavo.
Lei mi sorrideva e chiacchierava amabilmente con me, era impossibile che non si fosse accorta dei miei sguardi, infatti verso la fine della cena mi disse:

Io interpretai la sua frase come un invito e fatto più audace allungai una mano sotto il tavolo fino alle sua gambe, mi insinua nel profondo spacco della sua gonna di pelle nera e l’appoggiai sulle sue gambe, temevo il peggio, ma lei sorrise e esclamò

le riempii il bicchiere, lo vuotò subito, e dopo passò la sua mano sopra la mia patta, il mio cazzo era duro, pietrificato, lo accarezzò un’ attimo, poi apri leggermente le gambe.
Io non ho resistito all’invito ed ho lasciato salire la mia mano lungo le sue cosce avvolte in fini calze nere fino alla sua fica, era calda, ho scostato le mutandine.
Lei mi guardava, i suoi occhi erano lucidi, si inumidì le labbra con la lingua e disse

sfilai il dito, nascondendolo con il tovagliolo lo portai alla bocca e lo ripulii, il suo sguardo non si staccava da me, le passai il vassoio della carne.
Terminata la cena ci fu la noiosissima cerimonia dello scambio dei regali, io non mi allontanavo troppo da lei così da riempirle sempre il calice di champagne e da sfruttare ogni occasione per sfiorare il suo corpo.
Verso l’una tutti cominciarono a salutare i parenti ed a fare ritorno a casa, lei indosso la pelliccia e venne a salutare mentre le davo un casto bacio da nipote a zia le leccai il lobo con la lingua, lei mi disse

poi andò via.
Usci subito dopo di lei, la vidi salire in macchina e mettere in moto, la seguii e la raggiunsi sul portone di casa sua, mi sorrise e mi fece entrare.
Le infilai la lingua in bocca la sua era calda, si muoveva abilmente. Sentivo la sua mano che mi slacciava i calzoni, che lo tirava fuori, appena fu libero le dissi


La spinsi giù a terra in ginocchio, lei subito lo prese in bocca cominciando a succhiarlo avidamente, avvolsi una mano nei suoi lunghi capelli per guidare il ritmo di quel meraviglioso pompino, ma non vene era bisogno evidentemente ai miei piedi vi era una delle più abili troie della città.

Mi sorrise con aria da porca senza sfilarselo dalla bocca, mentre con l’altra mano si stava furiosamente masturbando.
Le riempii la bocca di sperma, lei venne insieme a me, rivoli di saliva mista a sperma le colava dai lati della bocca mentre mi sorrideva felice. Ci baciammo

Le tolsi la camicetta scoprendo così i suoi seni, cominciai a leccarle i grandi capezzoli.
Intanto lei mi accarezzava il cazzo, lo sentivo tornare duro nelle sue abili mani,

mi disse e si alzò, tenendomi per mano mi guidò fino alle scale.
Comincio a salire davanti a me, io impazzivo alla vista di quel culo e di quelle tette che mi ballonzolavano davanti agli occhi. La spinsi avanti con violenza e sollevatale la gonna avvicinai il mio cazzo al suo culo, lei si voltò e vidi uno sguardo perverso nei suoi occhi, cominciai a spingerlo dentro, dentro al suo culo.
mi disse,

risposi,

fu la sua risposta… la strada per il letto era ancora tanto lunga.

Vacanze di sesso

Vacanze di sesso

Mi è rimasto in mente quella fantastica vacanza, che abbiamo fatto l’anno scorso in estate, dove abbiamo conosciuto quella bellissima coppia, Diego non è molto alto ma dotato di una forte carica di simpatia, un bel viso ed un fisico ben strutturato, la sua lei, Mery, era ed è una autentica sventola.. alta, maestosa, con un seno non prosperoso, ma ben formato, e delle splendide gambe che terminano con un culo spettacolare.. io e mia moglie siamo alti snelli e appassionati di Body building (anzi io all’epoca ero reduce da due anni di preparazione, quindi ero proprio al culmine della forma fisica), insomma quando passeggiavamo per le strade la gente si voltava a guardarci..
Loro avevano un programma diverso dal ns ma l’affiatamento era tale che loro lo modificarono pur di proseguire la vacanza con noi.
Alle Seychelles acquisimmo una notevole confidenza.. si sa.. due coppie coetanee trentenni in giro per delle isole esotiche.. si muovono con molta scioltezza, senza badare a formalità o inibizioni.. capitava di frequente di fare il bagno nudi (sia di giorno che di notte), fare la doccia assieme, prendere il sole in barca o perdere un po’ la testa durante i balli in discoteca.
Ma lì non avvenne nulla.
Al ritorno dal viaggio di nozze ci sentimmo spesso e siccome loro in Sardegna non erano mai stati noi ci offrimmo di ospitarli.
Vennero a stare a casa nostra, in città, per un po’, poi li portammo in giro per le ns coste.
Il fattaccio accade nella spiaggia di Barisardo, dove io e mia moglie eravamo stati l’anno precedente, una splendida spiaggia la cui difficoltà di accesso la rendeva magnificamente isolata, tant’è prendevamo sempre il sole nudi e ogni giorno scopavamo indisturbati.
Anche quell’anno la spiaggia ci garantiva gli stessi confort..
Un giorno Diego e Mery erano molto nervosi e bisticciavano spessissimo, chiedemmo spiegazioni ma a mò di sfogo Diego mi disse che Sonia quando era arrabbiata con lui, per ripicca, non scopava… cercai di fare da paciere tra i due e mentre Claudia sonnecchiava raggiunsi Sonia mentre Diego rimaneva anche lui sotto l’ombrellone..
Mentre parlavo con Sonia mi accorsi che Diego si era avvicinato un po’ troppo a Claudia ed anzi ora le stava toccando le sue splendide tettone..
Lei rincoglionita dal sole e dalla pennichella (memore delle stesse attenzioni da me dedicatele l’anno precedente) senza dir nulla e godendosi le carezze allungò la mano verso il costume di Diego e iniziò a masturbarlo vigorosamente..
Io e Sonia rimanemmo come allucinati Che cazzo stavano facendo quei due?!!!
Io ero incazzato ma anche un po’ arrapato mentre Sonia era incazzata perché interpretava ciò come una rivalsa di Mauri nei suoi confronti..
Mentre ci avvicinavamo sentimmo Claudia che, sempre ad occhi chiusi, chiedeva di avere il cazzo in bocca..
Cosa che Mauri si affrettò a fare.. a questo punto Sonia persa la testa ..si chinò e prese in bocca il mio cazzo ormai durissimo e mi fece un pompino favoloso facendomi mugolare come una bestia..
A questo punto Claudia si rese conto che il cazzo che stava succhiando non poteva essere il mio e così aprì gli occhi e realizzò ciò che era successo…
Ma ormai era troppo tardi…lei aveva ancora in bocca il cazzo di Diego mentre io ero lì in piedi che mi godevo il lavoretto della Sonia…
Ormai c’eravamo dentro.. ci mettemmo a ridere con un bel po’ di imbarazzo.. ma la cosa ci attraeva troppo..
Troppe volte avevamo fantasticato su incontri multipli (la qual cosa durante il sesso mandava Claudia in visibilio salvo poi esserne amareggiata al termine della scopata) per tirarci ora indietro.
Io e Mauri, per non fare incazzare le due donne ci dedicammo interamente a loro e mentre Claudia si metteva a quattro zampe, per meglio succhiare il cazzo di Mauri, io la masturbavo con tre dita mentre a mia volta mi facevo spompinare da Sonia..
Ad un certo punto mettemmo tutte e due le donne a quattro zampe e le scopammo così finchè di lì a poco non vennero, allora scherzando chiedemmo loro cosa avrebbero gradito e Sonia, ancora incazzata e avendo visto Claudia che mentre Diego la scopava spostava la minchia da un buco all’altro, fu pronta:”Visto che siete 2 stronzi che ci trattano come 2 puttane..continuamo così”.
E mettendosi ancora alla pecorina prese in bocca il cazzo di Diego e il mio dentro una figa così bagnata e dilatata come non ne avevo visto..
Ormai Sonia aveva preso la situazione in pugno..
Fece sdraiare Mauri di schiena e gli andò sopra chiamandomi vicino.. Mauri iniziò a pomparla ed io le leccavo il culo mentre Claudia me lo succhiava stimolandomi anche il culo… Ad un certo punto Sonia mi tirò a sé chiedendomi di incularla… Mauri uscì di testa… iniziò a darle della troia puttana.. ma Sonia non si offese ma sembrò ancor più eccitata finchè venne in orgasmo mitico…
Claudia, che nel frattempo si stava masturbando seguendo la scena, a quel punto intervenne e afferrando la minchia di Mauri appena uscita dalla figa di Sonia se la infilò dritta dritta nel culo ed io a quel punto sburrai aiutato da quella porca di Sonia, che leccò tutto senza perdere una goccia.
Fu folle!! Dopo rimanemmo in silenzio ed ognuno andò a farsi un tuffo per ripulirsi e rinfrescarsi.
Era come se avessimo assistito alla scopata di altri anziché essere stati noi i protagonisti.
La sera cenammo in albergo….
Eravamo un po’ tutti silenziosi ed imbarazzati, dopo facemmo una passeggiata e tornammo in albergo, ci salutammo ed ognuno andò nella propria camera.
Con Claudia parlammo dell’accaduto ma mentre parlavamo io non riuscii a frenare un’erezione e anche Claudia era piuttosto sul bagnato…bussarono alla porta e chi era..
Sonia con indosso un’accappatoio semiaperto masturbava Mauri mentre lui le accarezzava le tette… e allora scoppiò il casino…
Dopo la vacanza in Sardegna tornarono a Milano e non si fecero più sentire. Peccato! e dove li troviamo altri due così?

Milioni di italiani contattano camgirl ogni giorno

Milioni di italiani contattano camgirl ogni giorno

Ho iniziato a 25 anni; amo il mio lavoro. Clara, per gli amici del web clarahot, ha un lavoro: fa la camgirl. Ha anche una famiglia: un marito e due figli, per la precisione. Vive in Spagna, e fa questo mestiere a tempo pieno. Per il resto è una donna piacente, molto sensuale quando si spoglia in webcam davanti ai propri fan; la stessa che potresti incontrare in un bar o in un locale notturno, alla fine. Sono diversi milioni gli italiani che contattano camgirl ogni giorno: questa moda è nata qualche anno fa e riporta numeri vertigiosi, anche se non ufficiali: 28 milioni di visitatori mensili su alcuni siti,

In genere funziona così: ci sono, in Italia e nel mondo, migliaiai di siti web diversi tra loro dedicati al mondo delle camgirl; ognuno di essi ha diverse regole e modalità di pagamento, di lavoro e di tipologia di show che si possono proporre. In genere c’è una chat pubblica per conoscersi virtualmente e prendere accordi, o eventualmente richiedere show personalizzati; poi si prende il contatto in chat e si entra in una stanza privata, a pagamento, nella quale la camgirl prende una percentuale su quanto spende l’utente in base al numero di minuti in privato che riesce a fare. Abbiamo provato a contattare qualche camgirl per un’intervista, ma non è stato molto semplice riuscire nell’impresa: parlano poco, e se gli dici che sei un blogger o un giornalista diventano diffidenti. Pero’ ci sono, e gli show sembrano farli sul serio!

Un modello di business che risponde al nome di sesso virtuale o cybersex, e che su molti siti porno è ben nota a tutti i frequentatori: spesso, infatti, le camgirl si fanno pubblicità attraverso quei siti, senza mostrare il viso e cercando di lasciare il contatto per farsi uno show privato ed invitare i visitatori del sito a farlo. Tutto questo è l’incredibile mondo sommerso delle camgirl, in cui anche molte donne italiane sembrano essere attivamente coinvolte: dalla nostra analisi i siti anche piccoli di camgirl fatturano parecchio (decine di migliaia di euro al mese, minimo) e poi dividono parte dei guadagni con le camgirl partecipanti. Ovviamente non tutti i siti sono onesti e non tutti sono affidabili, ma il funzionamento è proprio questo: per quanto tempo durerà questo business? È solo una moda passeggera e tra qualche mese non se ne parlerà più? Difficile rispondere a questa domanda, oggi. Ma la richiesta c’è tutta, potete giurarci.

Notte di passione

Notte di passione

Mi chiamo Carla, sono una donna di 42 anni insoddisfatta dal proprio matrimonio, ormai è solita routine, lavoro, casa, sesso sempre uguale, allora da quando ho conosciuto quel bel pezzo di uomo di Andrea la mia vita è cambiata, lo incontro tutti giorni per sesso, e che sesso, mi fa ritornare a casa soddisfatta e con tanta voglia di vivere, però la scopata che ricordo sempre più volentieri delle altre, è stata la prima volta con lui, così per caso ci siamo ritrovati nella stessa camera di un albergo, e così come un imprevisto, piacevole ci siamo immersi in un turbine di passione.
Ci siamo guardati negli occhi, ci cercavamo freneticamente con le mani, nudi, nella penombra di quella camera. Le sue mani fra i miei capelli, o ad accarezzare i miei seni pieni, dolcemente fra le mie cosce aperte…
Io seduta sul letto lui in piedi davanti a me, il suo sesso eretto, turgido, pulsante era un invito per le mie labbra. L’ho preso, leccato, e poi serrato fra le mie labbra…su e giù al ritmo dei nostri gemiti.
E’ stato allora che con forza mi ha girata, una mano decisa sulla schiena, ad arcuarla, giù piegata, e lui che si insinuava delicatamente fra le mie chiappe. Un brivido sale dalle reni e lui più giù ancora più energico. Era tutto dentro, lo sentivo muoversi, sentivo i suoi testicoli aderirmi addosso. Sempre più fremente, più svelti i suoi movimenti mentre mi teneva dai fianchi. Intanto le sue mani impazienti si intrufolavano nella mia conchiglia a dischiuderla, penetrandomi con un dito. Abbiamo gioito insieme mentre mi inondava l’ano con la piena del suo piacere. Siamo andati avanti così per tutta la notte, è stata una vera notte di fuoco.