Punto G femminile: come stimolarlo

Punto G femminile: come stimolarlo

punto g femminile come stimolarlo al massimo

Come toccare il punto g

 

La donna riesce a raggiungere un buon orgasmo quando viene stimolata nel migliore dei modi.

L’uomo deve essere capace di toccare i punti nevralgici ma deve saper farlo secondo un criterio che porti la donna a lasciarsi andare sempre più.

Il clitoride ad esempio è un punto che se stimolato bene porta la donna ad un godimento assoluto, ma per renderla ancora più felice bisognerà stimolare il punto G.

Sono molti gli uomini però che credono che essa non esiste o che non valga la pena cercarlo per dare un piacere così alla partner femminile.

Altri invece che sono interessati a tale argomento, preferiscono documentarsi e far si che la propria donna o con colei che andranno a letto riceva il miglior trattamento.

Ecco quindi che la tecnologia viene in soccorso con alcuni siti web, dove però diodelsesso.net mette a disposizioni capitoli ricchi di informazioni e consigli pratici, che attendono solo di essere applicati.

Entrando in questo portale sarà facile trovare l’argomento specifico e dedicarsi ad una buona lettura.

 

Dal clitoride al punto G: stimolazione e godimento

Parlando però nello specifico, esso è situato a pochi centimetri dal clitoride, quindi per stimolarlo bisognerà inserire le dita nella vagina, oppure farlo attraverso la penetrazione del membro maschile ma in determinate posizioni.

Riconoscere tale punto non è difficile, basta che una volta giunti all’interno della vagina, si senta con le dita la parte più spugnosa.

Una volta arrivati a questo punto, l’uomo in questione dovrà stimolare la donna muovendo le proprie dita in dei piccoli movimenti che vanno avanti ed indietro restando però sempre sullo stesso punto.

come fare a raggiungere il punto g

 

Ovviamente però la stimolazione delle mani per quanto piacevole e ben fatta possa essere non arriverà mai ai livelli della penetrazione sessuale.

Ecco quindi che scegliere le posizioni per una maggior stimolazione del punto G, porti in primis la donna ad aumentare il suo godimento e subito dopo vedere l’uomo soddisfatto di ciò che sta provocando alla sua partner.

La posizione della pecorina, può garantire un alto livello di stimolazione del punto G se la donna inarca la schiena quando il suo partner la penetra da dietro.

Ovviamente però l’uomo deve dosare la sua di eccitazione per evitare di durare poco e quindi interrompere la passionalità che si sta creando.

Altre sono le posizioni che possono stimolare il punto G ed allo stesso tempo permettere alla coppia di amanti di guardarsi negli occhi.

Essi sono sia dove lei è distesa ed ha il suo uomo di fronte che prende le sue gambe sulle spalle, che quando le assume la posizione della cowgirl e stavolta è l’uomo a stare sotto.

 

Come stimolare il punto G femminile: alcune valide alternative

I vari vibratori per punto G, presenti in commercio possono garantire anche loro un ottimo modo per la stimolazione del punto G, se poi si vuole intensificare il godimento della donna, si può usare la lingua per leccarle la vagina.

Volendo anche il sesso anale può contribuire alla stimolazione del punto G, ma non a tutte le donne piace.